TERRITORIO MARCHIGIANO

SENIGALLIA

Senigallia 50 km da Genga, adagiata sul mare, è nota come "la spiaggia di velluto". Ebbe nome dai Galli Senoni (Serra Gallica IV sec. a.C.) e fu così denominata perchè si potesse distinguere da Sena di Etruria (Siena). Prima tra le colonie romane sull'Adriatico (289 a.C.), fu depredata nell'82 a.C. da Pompeo, luogotenente di Silla. Nel 409 d.C., fu distrutta da Alarico, ma risorse e fece parte della Pentapoli. Nel 1280 Guido da Montefeltro l'occupò a tradimento e ne uccise i 1500 abitanti, si che Dante (Paradiso XVI, 37) l'annovera tra le città che "termine hanno".

Nel 1450 l'Albornez la riassoggettò alla Chiesa. Nel 1474 Sisto IV l'assegnò al nipote Giovanni della Rovere che, fondandovi la sua Signoria, l'ampliava costruendo nuove mura e la rocca. Successivamente, Leone X, nel 1517, consegnò la città a Lorenzo De' Medici, duca di Urbino. Nel 1522, ritornò ai Della Rovere con i quali trascorse un periodo di pace e di prosperità: acquisì il classico aspetto di pianta pentagonale e fu sede di una zecca. Vi ebbero i natali Francesco Maria Della Rovere (1490), condottiero, Papa Pio IX (1792), lo scrittore Alfredo Panzini, (1863). Da visitare: la Rocca Roveresca.

Web: www.comune.senigallia.an.it
Telefono: 071 66291
E-mail:senigallia@an.nettuno.it

Scarica l'app iFrasassi

Consorzio Frasassi - Largo Leone XII, n 1 - 60040 Genga (AN) - grotte@frasassi.com - PEC: frasassi@pec.it - P.Iva 00222050429